Ecco come usare la curcuma per dimagrire, perdendo grasso (e quando invece non ti serve a nulla)

Ecco come usare la curcuma per dimagrire, perdendo grasso (e quando invece non ti serve a nulla)

Quando cerchi informazioni su quali ingredienti naturali possono aiutarti a dimagrire, la curcuma spunta sempre fuori.

È consigliata da moltissimi specialisti di nutrizione e dieta.

È promossa da una marea di articoli su riviste e siti di salute e bellezza del corpo.

E per fortuna non è solo una moda, ma i suoi benefici anche sulla perdita di grasso corporeo hanno solide basi scientifiche.

Quello però che purtroppo accade è che queste evidenze scientifiche vengono lette male, capite male e poi trasmesse male a chi cerca delle informazioni su come aiutarsi a perdere peso con la curcuma.

Quello che voglio dire è questo: è vero che ci sono studi scientifici che mostrano che la curcuma può aiutare a dimagrire. Attenzione però che ti spiegano anche COME usarla per farla funzionare e per evitare di fare un buco nell’acqua e di spendere soldi per niente.

Bisogna leggere anche quella parte degli studi, non solo i risultati finali!

Infatti queste informazioni su come utilizzarla in modo corretto spesso non ti vengono riportate. Forse perchè gli studi non vengono proprio letti o chi lo fa non ci capisce niente di fitoterapia.

Così il corretto modo di utiizzare la curcuma per dimagrire si perde nel passa parola tra uno scadente articolo di giornale scritto da chi non se ne intende, una notizia messa male su internet, un post sbagliato fatto circolare su Facebook.

Poi vogliono farti pensare che è sufficiente una spolverata di curcuma sull’insalata per dimagrire

Sì, va là!

Ma andiamo con ordine e vediamo innanzitutto perchè la curcuma può aiutarti a dimagrire e a mantenere una linea invidiabile, e poi come prenderla correttamente.

I suoi benefici, anche quelli per dimagrire, sono dati principalmente dal suo principio attivo, la curcumina.

L’ effetto immediato è quello di aumentare la produzione di acidi biliari che aiutano la digestione nell’intestino e danno una mano a combattere anche la stitichezza.

Questo però, casomai, ti aiuta a sentirti fin dai primi giorni meno gonfia, non tanto a perdere grasso.

Cosa rende invece la curcumina così utile per dimagrire?

La curcumina è in grado di aiutare la tua perdita di peso intervenendo su molti aspetti in un colpo solo.

Questo è importantissimo.

Infatti molte diete non funzionano proprio perchè non affrontano tutti i fattori che determinano il sovrappeso.

Non basta bruciare più calorie possibile.

Non basta consumare più calorie di quante ne mangiamo.

Il processo di dimagrimento è molto più complicato di così.

L’organismo umano è progettato per rendere le cellule di grasso molto efficienti nell’immagazzinare calorie quando mangiamo più del necessario, ma non così efficienti nel rilasciare calorie quando entriamo in dieta.

La curcumina si inserisce nel complesso processo di dimagrimento e interviene positivamente su più  meccanismi contemporaneamente. Questa è la straordinaria potenzialità di questo ingrediente naturale.

Ecco in sintesi cosa fa:

  1. Aiuta le cellule di grasso ad essere più sensibili all’insulina che quindi viene prodotta di meno dal nostro corpo. Questo diminuisce l’accumulo di grasso

  2. L’eccesso di grasso ci provoca infiammazione di basso grado che favorisce l’accumulo di altro grasso. La curcumina combatte proprio questa infiammazione spezzando il circolo vizioso

  3. Quando sei in sovrappeso hai l’ormone della fame, la leptina, in tilt. Dovrebbe arrivare al cervello e spegnere l’interruttore della fame, ma non funziona più bene, così il cervello pensa sempre che sei in deficit di cibo e ti fa avere fame, essere più pigro e ti fa consumare meno calorie a riposo. La leptina in tilt favorisce un ulteriore accumulo di grasso. La curcumina aiuta il cervello a rispondere meglio alla leptina e quindi a sentire meno la fame.

  4. La curcumina contrasta la trasformazione delle nostre cellule staminali in grasso e le ridireziona perchè si trasformino in sangue e ossa.

  5. La curcumina favorisce il grasso bruno (detto anche grasso buono) su quello bianco (detto grasso cattivo). Il grasso bruno lo bruciamo facilmente con produzione di calore, mentre quello bianco tende ad immagazzinarsi portando all’obesità.

  6. La curcumina velocizza il metabolismo aumentando l’attività di proteine che aumentano il consumo di grasso corporeo.

Pensa poi che la curcumina è in grado anche di alleviare la fatica, aiutare il sistema muscolare contro le infiammazioni, aumentare le performance atletiche.

Così diventa anche più facile fare attività fisica per dimagrire.

Fin qua tutto bello.

Ma vediamo a questo punto come usare la curcumina per ottenere questi effetti e dimagrire.

Intanto la curcumina non va considerata come l’ingrediente magico che fa tutto da solo.

Va sempre inserita all’interno di una dieta bilanciata accompagnata da esercizio fisico.

Uno studio (1) su persone obese ha mostrato la curcumina funzionare nello sbloccare il metabolismo di chi non riusciva a dimagrire nonostante la dieta e l’esercizio fisico.

Su queste persone che avevano il peso bloccato, l’aggiunta di curcumina le aveva fatte dimagrire di 1,3 Kg in media ogni 10 giorni, con un – 8,43% di grasso, –4,14% di giro-vita, –2,51% circonferenza fianchi in 30 giorni.

Queste persone però, ripeto, continuavano quella dieta e quell’esercizio fisico che da soli non avevano dato risultati.

Ma come va presa la curcuma per poter aiutarsi a dimagrire?

Non certo con una spolverata sull’insalata o con un beverone arancione da prendere ogni giorno.

Lo so che gli articoli che leggi in giro si fanno in quattro per proporti la ricetta alla curcuma più originale. Oppure ti consigliano di prenderla fresca, di non scaldarla, o di infilarcela in ogni piatto che porti in tavola.

Ma cosa dicono gli studi scientifici?

Hai notato ad esempio che ho sempre parlato di curcumina più che di curcuma?

Questo perchè gli studi NON sono stati fatti con curcuma in polvere, fresca o mescolata ad altre pietanze.

I benefici sul dimagrimento sono stati dimostrati con curcuma dove hanno concentrato la curcumina e dove l’hanno potenziata in modo naturale.

Altrimenti non fa granché.

Solo se prendi la curcuma potenziata puoi godere della sua molteplice azione per perdere grasso.

Perché la curcuma così com’è non ti aiuta a dimagrire?

Perché devi prenderla potenziata?

Leggi qui perché gli studi scientifici hanno dovuto usarla potenziata per avere risultati positivi, così come dovresti fare tu => https://rimedinaturalibiopotenziati.com/curcuma-potenziata

Se vuoi avere invece indicazioni su dove trovare prodotti utili per la tua salute puoi visitare il nostro shop => RIMEDIBIOPOTENZIATI.COM

Potrai trovare diversi prodotti utili per un processo di dimagrimento cliccando


(1) Di Pierro et al. Eur. Rev. Med. Pharmacol. Sci. 2015
Fai attività fisica o sport e non vuoi doverti fermare per infortunio o malattia? Ecco tre straordinari nutrienti per difenderti da soste forzate e prolungate.

Fai attività fisica o sport e non vuoi doverti fermare per infortunio o malattia? Ecco tre straordinari nutrienti per difenderti da soste forzate e prolungate.

Su un punto tutti i dietologi e nutrizionisti sono d’accordo.

Anche quelli più scarsi, come quel medico dietista obeso e accanito fumatore che ho conosciuto anni fa per lavoro. (Non ci crederai ma aveva gente che si affidava a lui per la dieta!)

Dicevo che tutti quanti sono d’accordo su una cosa: che l’attività fisica fa bene.

Aiuta a stare in salute, a recuperare una linea ottimale, a scolpire il proprio corpo e ad essere più energici e vitali.

In fin dei conti l’attività fisica aiuta a vivere più sani e più a lungo.

Anche quando i guru delle diete si azzuffano tra di loro difendendo il proprio regime alimentare, rimangono comunque uniti sull’importanza dell’attività fisica.

Fosse anche solo il fare delle lunghe camminate.

C’è però un problema che è sempre lì in agguato quando fai attività fisica o ti dedichi a un vero e proprio sport:

l’essere costretto improvvisamente a fermarti perchè ti fai male o perchè ti ammali.

Soprattutto dopo i 40 anni, è molto più facile infiammarsi un muscolo, un tendine o un’articolazione senza riuscire a recuperare in tempi rapidi.

Perchè per quanto tu vada con cautela e per quanto tu stia comunque attento all’alimentazione, le tossine che ingerisci dai cibi di oggi scatenano continue infiammazioni e massicci attacchi di radicali liberi alle tue cellule.

E il tuo corpo non li contrasta più bene come quando avevi 20 anni.

Risultato: basta poco per sentire una fitta improvvisa e doversi fermare per giorni.

Così sei costretto ad interrompere quell’attività fisica che tanto ti aiuta mantenerti energico e in forma.

E non è finita qui.

Al termine di uno sforzo fisico intenso, come è una corsa, una seduta in palestra o una partita di tennis, il tuo sistema immunitario ha un brusco calo per qualche ora.

È normale e fisiologico.

Quello che non è normale è che le tossine, purtroppo, intervengono anche qua e indeboliscono ancor di più le tue difese.

Se poi sei anche un minimo stressato, questa tensione dà il colpo di grazia al tuo sistema immunitario ed è facilissimo così, subito dopo lo sforzo fisico, prendersi un forte mal di gola, un tremendo raffreddore o le varie influenze di passaggio.

Anche in questo caso il risultato è lo stesso: devi interrompere l’attività fisica e gli allenamenti (e magari saltare anche dei giorni di lavoro)

E così il tuo piano per mantenerti in forma fisica crolla come un castello di carte.

E sai bene che quando si smette per un certo periodo di fare attività fisica, è facile diventare più pigri e abbandonarsi all’inerzia.

Il metabolismo di base rallenta ed è un attimo appesantirsi, metter su qualche chilo e abbassare il livello di energia giornaliero.

E poi si finisce a raccontarcela con gli amici di quanto era bello quando si andava a correre, quanto si stava bene quando ci si allenava in palestra e quando ci si svegliava alla mattina pieni di vitalità.

“In effetti è un po’ che mi sento giù e faccio più fatica a fare tutto” – arrivi a confidare poi a loro con rammarico.

C’è qualcosa che puoi integrare alla tua alimentazione per combattere l’azione devastante delle tossine che “spargono benzina sul fuoco” infiammando i tuoi muscoli e costringendoti al riposo forzato? 

E c’è qualcosa che aiuta il tuo sistema immunitario a respingere con forza le infezioni che ti costringono a fermarti?

Ad ascoltare tutto quello che dicono sui vari rimedi naturali e integratori, hai solo l’imbarazzo della scelta. Anzi, dovresti prendere prodotti a manciate: decine di pastiglie o litri di tisane per un effetto che non sai bene se ci sarà, perchè prove di efficacia ne vedi gran poche.

Cosa puoi prendere invece di naturale che:

  • ha molteplici effetti contemporaneamente per avere il massimo dell’effetto con poche sostanze, senza doverti riempire di integratori?
  • ha effetti scientificamente dimostrati contro l’infiammazione, lo stress ossidativo dei radicali liberi e a sostegno del sistema immunitario?

Dai miei studi universitari di Fitoterapia, dalla mia esperienza nel campo della salute e dall’analisi degli studi scientifici, ho individuato:

3 ingredienti naturali in grado di proteggerti contro le pause forzate della tua attività fisica.

Il primo ingrediente strategico: la vitamina D.

Viene normalmente prodotta dalla nostra pelle quando siamo sotto i raggi solari e in parte la assumiamo in alcuni cibi.

Ma ormai ci stiamo così poco sotto il sole e gli alimenti sono così poveri di vitamina D che bisogna  integrarla.

Non è importante solo per assorbire bene il calcio e quindi per le ossa.

Quando ne hai poca, il tuo corpo si indebolisce, perdi massa muscolare e aumenta addirittura il rischio di obesità.

Pensa che la vitamina D è così legata alla probabilità di infortuni nello sport che in America hanno cominciato a monitorarla e ad integrarla nel football e nel calcio femminile!

Sempre più studi stanno mostrando un inquietante e preoccupante legame tra bassi livelli di vitamina D e infortuni muscolari!

Ma quanto prenderne?

Dipende.

L’importante è che nel sangue tu abbia una concentrazione maggiore di 30 ng/ml ma l’ideale sarebbe arrivare attorno ai 75-80 ng/ml.

Se non vivi a Miami e non fai il bagnino 10 mesi all’anno hai di sicuro livelli di vitamina D sotto i 30 ng/ml.

Per raggiungere i giusti livelli dovrai integrare prendendo tra le 5.000 e le 10.000 UI di vitamina D al giorno e rifarti le analisi ogni tanto.

Il secondo ingrediente strategico: la curcumina potenziata della curcuma

È in grado di diminuire l’infiammazione e il danno muscolare da esercizio fisico.

Ma fai bene attenzione.

Non ho scritto semplicemente curcuma, come vogliono farti credere quelli che non leggono nemmeno gli studi scientifici.

La normale curcuma in polvere non è in grado di contrastare il danno muscolare, come ha sottolineato il dott. Mc Farlin con la sua equipe di ricercatori prima di testare la curcumina potenziata (1)

Egli è riuscito a dimostrare un’ evidente riduzione dell’infiammazione e del danno muscolare solo con la curcumina potenziata. Infatti grazie ad essa i marcatori dell’infiammazione sono diminuiti (TNF-? –25% e IL-8 –21%) e lo stesso ha fatto la creatinchinasi (CK), un enzima marcatore del danno muscolare (CK –48%)

È la stessa curcumina potenziata che in un altro studio aveva mostrato di aumentare l’attività antiossidante totale del corpo contro i radicali liberi del 28% (2)

Quando contrasti l’infiammazione continua (chiamata di basso grado perchè non la avverti) e combatti efficacemente l’assalto dei radicali liberi nel tuo organismo, lo aiuti a tenersi lontano da infortuni muscolari e dolori prolungati.

Così allontani il rischio di rimanere azzoppato o dolorante per giorni e non vedi sfumare tutti i tuoi appuntamenti con l’attività fisica.

Anche perchè quando poi rimani fermo a lungo, riprendere è dura.

Il terzo ingrediente strategico: il betaglucano potenziato del lievito di birra.

Il betaglucano (precisamente l’1-3, 1-6 betaglucano) è un componente di lievito, muffe e funghi.

È in grado di mantenere allenato il tuo sistema immunitario, come facevano le tracce di lieviti e muffe che un tempo si trovavano su quasi tutti i nostri cibi.

Ora che si utilizzano antifungini a tonnellate su frutta, verdura e cereali, e che si filtrano vino e birra liberandoli dai lieviti, non mangiamo più quelle tracce di lievito che mantenevano robusto e allenato il sistema immunitario dei nostri nonni.

Però puoi risolvere ricorrendo al betaglucano potenziato (perchè purificato e reso più attivo) estratto dal lievito di birra.

Questo betaglucano ha dimostrato scientificamente di rinforzare le difese immunitarie.

Quando è stato preso da maratoneti prima di una gara e i giorni successivi, li ha protetti dalle infezioni alle alte vie respiratorie riducendo del 50% i giorni con sintomi (3) e diminuendo i sintomi stessi del 67%(4).

Inoltre ha mostrato di ridurre la fatica del 48% e di aumentare il vigore fisico del 22% (4).

È quindi un integratore in grado di proteggerti durante il dopo-sforzo, quando hai le difese immunitarie sotto i tacchi  e un improvviso colpo di aria fredda rischia di farti “prendere il colera”.

Grazie a questo betaglucano potenziato potrai continuare a correre, camminare, praticare sport, senza rischiare che anche un piccolo cambio di temperatura ti schianti a letto ammalato, annientando tutte le tue energie e cancellando l’attività fisica programmata.

 

Sono 3 ingredienti naturali che intervengono efficacemente alla base della tua salute. Aiutano nel profondo il tuo organismo a difendersi da solo contro infortuni e malattie.

Se decidi di fare attività fisica o sport senza questi 3 speciali ingredienti da aggiungere alla tua dieta rischi di dover fare presto soste forzate, spegnendo gli entusiasmi e rovinando i tuoi piani per mantenere una buona forma fisica.

Puoi anche affidarti alla miriade di integratori che vanno solo sul sintomo finale e che non si sa bene se e quanto funzionano.

A tuo rischio.

Oppure puoi agire alla fonte della tua salute fisica e atletica con questi 3 ingredienti.

Gli ultimi 2 li trovi qua => https://www.bioeleva.it

N.B. Se desideri più informazioni sulla curcumina potenziata clicca qui => https://rimedinaturalibiopotenziati.com/curcuma-potenziata

Se invece desideri più informazioni sul betaglucano potenziato allora clicca qui => https://rimedinaturalibiopotenziati.com/betaglucano-potenziato


(1) B.K. McFarlin et al. BBA Clinical, Volume 5, June 2016
(2)Di Silvestro RA, Joseph E, Zhao S, Bomser J. Diverse effects of a low dose supplement of lipidated curcumin in healthy middle aged people. Nutr J. 2012
(3) McFarlin, B., Carpenter, K., Davidson, T., McFarlin, M., “Baker’s Yeast Beta Glucan Supplementation Increases Salivary IgA and Decreases Cold/Flu Symptomatic Days After Intense Exercise.” Journal of Dietary Supplements, 10(3):171–183, 2013
(4) Talbott S., Talbott J. 2009. Journal of Sports Science and Medicine.
La curcumina e i suoi numerosi benefici: ecco perchè un famoso medico delle star di Hollywood la suggerisce tra i suoi “trucchi” anti-invecchiamento.

La curcumina e i suoi numerosi benefici: ecco perchè un famoso medico delle star di Hollywood la suggerisce tra i suoi “trucchi” anti-invecchiamento.

Si chiama Fred Pescatore ed è un medico molto amato tra le star di Hollywood.

È molto famoso nel mondo patinato e artificioso del cinema.

Lì, è vero, impazzano le siringhe di botulino e i bisturi selvaggi del chirurgo plastico.

Lui invece è riuscito a farsi strada proponendo uno stile di vita e un’alimentazione naturale come ricetta anti-invecchiamento.

Il dott. Pescatore è l’uomo che c’è, ad esempio, dietro alla dieta “anti-aging” seguita da Sarah Jessica Parker e Kim Cattrall, entrambe attrici in Sex and the City.

Già diversi anni fa aveva svelato la sua lista di integratori da associare assolutamente alla dieta salutare.

L’obiettivo era: combattere l’invecchiamento rimanendo in splendida forma.

Li aveva chiamati: gli integratori da “Isola Deserta”.

Cioè quelli che devi avere assolutamente con te, per vivere alla grande, anche se vieni ipoteticamente abbandonato su un’isola in mezzo all’oceano.

In questo selezionatissimo elenco di integratori naturali ha messo anche la curcumina, il principio attivo della curcuma!

La propone infatti come nutriente fondamentale per “fermare le lancette dell’orologio senza ricorrere agli aghi delle iniezioni”.

Proprio a riguardo di una sana alimentazione per una vita longeva e in salute, il dott. Pescatore ha scritto sul suo blog:

“ Una dieta salutare è la base di un buono stato di salute, ma, sfortunatamente, il cibo non riesce a farcela da solo. 

Oggigiorno il nostro suolo è così impoverito di nutrienti e minerali che è impossibile ottenere tutto ciò di cui hai bisogno, per la tua nutrizione, da ciò che mangi. 

Gli integratori servono a soddisfare questa necessità. 

Ma contrariamente a quello che molti guru di salute alternativa vogliono farti credere, non hai bisogno di ingoiare dozzine di pillole ogni giorno per poter avere una lunga vita in salute”

E quindi elenca pochi ma ultra selezionati integratori che lui ritiene fondamentali, come la vitamina D, l’olio di pesce (omega 3)… e la curcumina!

È solo l’ennesima moda bizzarra e strampalata di Hollywood?

Il dott. Pescatore è solo un pazzo ciarlatano?

Non pare proprio.

Lo dicono i risultati che ha e il seguito che sta ottenendo in un ambiente dove anche un piccolo passo falso sulla salute e la bellezza fa notizia ed è in grado di rovinarti la reputazione.

Inoltre la scelta della curcumina è sostenuta da una valanga di studi scientifici.

Ma perchè il dott. Pescatore, come tanti esperti di salute naturale, suggerisce la curcumina per vivere bene, a lungo e in salute?

Una risposta molto convincente la dà un recente studio (1) pubblicato sul British Journal of Pharmacology.

Ne avevo parlato anche nel precedente articolo che puoi leggere cliccando qua.

Questo lavoro scientifico del 2017 è in realtà una revisione degli studi sulla curcumina finora pubblicati.

E afferma chiaramente qual è il motivo per cui questo ingrediente naturale è considerato così importante per la salute.

La curcumina ha la capacità di agire contemporaneamente su molti obiettivi.

Ha cioè la capacità di portare benefici multipli in un colpo solo. 

Così con un solo ingrediente puoi fare del bene al tuo corpo a più livelli nello stesso tempo.

Pensa che questo recente lavoro scientifico, analizzando più di 120 studi clinici, ha individuato ben 43 ambiti in cui la curcumina ha mostrato i suoi benefici, .

Te li riassumo in questo schema ricopiato da quello originale dello studio.

Impressionante vero?

Come puoi leggere, la curcumina è riuscita a dare benefici in moltissimi problemi di salute.

Naturalmente non significa che la curcumina va a sostituire le normali terapie mediche per ognuna di queste patologie!

Significa che per ognuna delle piccole o gravi malattie qua elencate, la curcumina ha degli studi in cui mostra di dare dei benefici sull’uomo.

Alcuni sono minimi.

Alcuni  hanno ancora poche evidenze.

Altri invece sono più importanti e dimostrati.

Prendi ad esempio il grande e delicato ambito del cancro.

Lo studio in questione non vuole certo suggerire di sostituire le normali terapie mediche con la curcumina.

Elenca solo su quali tipi di cancro la curcumina è stata testata per dare alcuni benefici più o meno interessanti, più o meno significativi.

E casomai suggerisce l’importanza di integrarla nella dieta per aiutare il tuo corpo anche in questi problemi di salute più drammatici.

Quello comunque che ha veramente impressionato gli scienziati, autori dello studio, è proprio la capacità della curcumina di essere, come scrivono loro, “multitargeting”.

Cioè capace di aiutare la nostra salute con più benefici contemporaneamente.

Vediamo qualche esempio.

  • Ha mostrato di aiutare ad alleviare l’ostruzione bronchiale in pazienti asmatici.
  • Ha migliorato i sintomi e i segni della uveite anteriore cronica.
  • Ha funzionato contro le gengiviti
  • Ha contrastato l’infiammazione dei reni, dello stomaco, dell’intestino, del fegato stesso, intervenendo contro la steatosi (accumulo di grasso nel fegato) e la steatoepatite (l’infiammazione vera e propria del fegato)
  • Ha portato benefici nell’artrite, con riduzione del dolore e miglioramento del movimento. E ha dato risultati positivi anche nell’artrite reumatoide.
  • Così come ha mostrato di dare protezione cardiovascolare, riduzione dei trigliceridi, protezione contro l’alterato metabolismo degli zuccheri che porta al diabete.
  • Ha persino portato benefici alle persone obese aiutandole a smaltire il grasso e a diminuire il loro stato ansioso o depresso.
  • E a proposito di benefici neurologici, ci sono studi che riportano una diminuzione dei sintomi di persone depresse e un miglioramento dei valori del sangue legati alla depressione stessa.

Mi fermo perchè l’elenco dei vantaggi della curcumina è piuttosto lungo in questo studio del British Journal of Pharmacology.

Penso però che possa comunque darti un’idea del perchè molti medici, esperti di fitoterapia e di integrazione come il dr. Pescatore, consigliano la curcumina!

Attenzione però!

Ci sono 2 INFORMAZIONI importanti che non ti devono sfuggire di questo studio.

PRIMA INFORMAZIONE

Lo studio parla sempre di curcumina, non di curcuma. Anche il dott. Pescatore fa sempre riferimento al principio attivo, non alla pianta.

Perchè?

Perchè se usi la semplice curcuma trovi pochissima curcumina (massimo un 5%) che per di più fatica moltissimo ad essere assorbita dal nostro corpo.

Quindi: non basta utilizzare della semplice curcuma alimentare per ottenere tutti i benefici della curcumina! 

Non basta prepararsi dei piatti esotici conditi con la curcuma, come spesso leggi in giro da chi non se ne intende.

Negli studi non hanno usato ricette di curcina! Ma hanno dovuto utilizzare, come minimo, enormi quantità di estratti concentrati in curcumina.

SECONDA INFORMAZIONE

Anche con estratti concentrati in curcumina spesso hanno avuto dei problemi ad ottenere risultati positivi sull’uomo. Perchè questa valanga di azioni salutari della curcumina è frenata, limitata e ostacolata dalla sua bassissima biodisponibilità

Questo significa non solo che viene assorbita pochissimo dal nostro intestino, come ti ho già scritto prima.

Ma rimane anche troppo poco tempo nel nostro organismo. Viene infatti velocemente trasformata ed eliminata dai nostri enzimi.

Ma allora, viene da pensare, ha mostrato o no di funzionare negli studi scientifici?

La curcumina ha cominciato a dare qualche beneficio quando è stata usata concentrata e in grandi quantità.

Ma i migliori risultati della curcumina sulla salute sono stati ottenuti quando è stata potenziata! E in quel caso senza doverne usare in enormi quantità.

Quando cioè sono riusciti a  farla assorbire di più e mantenerla inalterata nel corpo il più a lungo possibile.

Come hanno fatto?

Con speciali miscele di ingredienti naturali in grado di rivestire, trasportare nel nostro organismo e proteggere le particelle di curcumina.

Quindi riassumendo: la curcumina è una fonte incredibilmente ricca di benefici, tanto da essere suggerita da molti importanti medici.

Uno di questi è il dr. Pescatore, famoso per i consigli che dà a molte star di Hollywood per mantenersi giovani e in salute. La curcumina è proprio uno degli ingredienti della sua ricetta per “l’eterna giovinezza”.

Ma come sottolinea anche questo ultimo studio scientifico (1) la curcumina deve essere potenziata per superare i suoi limiti di biodisponibilità.

Deve cioè riuscire ad essere assorbita in quantità sufficienti, arrivare al sangue e da lì agli organi che sono bersaglio dei suoi benefici.

E per farlo deve anche essere protetta dalle rapide trasformazioni ed eliminazioni che subisce da parte dei nostri enzimi.

Un efficacissimo potenziamento è stato ottenuto, ad esempio, con una speciale miscela di sostanze naturali, ideata in collaborazione con un’ equipe di neuroscienziati.

Questo rivestimento di ogni particella di curcumina ha permesso alla curcumina stessa di:

  • venir assorbita 285 volte di più riuscendo ad arrivare in quantità sufficienti per portare i suoi benefici
  • e di durare in circolo anche un giorno intero invece che poche decine di minuti. Così ha il tempo di agire.

Se vuoi usare una curcumina così potenziata per ottenere il massimo dei suoi benefici, la puoi trovare qui => CURCUMA BIOPOTENZIATA

Se invece vuoi saperne di più su questa curcumina così potenziata da essere in grado di portare i suoi benefici anche al cervello, leggi qui => https://rimedinaturalibiopotenziati.com/curcuma-potenziata


(1) Kunnumakkara AB e al. Curcumin, the golden nutraceutical: multitargeting for multiple chronic diseases, Br J Pharmacol. 2017 Jun